domenica 8 giugno 2008

Decreto intercettazioni:
magistrati sotto scacco?
No, tutti a scuola da Aristotele

"... mi spiace: così, su due piedi,
ho messo insieme solo 7 milioni..."

"E va bene.
Aspetto che lei mi porti gli altri 7
per saldare quanto pattuito..."


Era il 17 febbraio 1992. Con questa intercettazione ebbe inizio Mani Pulite: protagonisti, Luca Magni, imprenditore monzese costretto al pagamento di una tangente da Mario Chiesa, Presidente del Pio Albergo Trivulzio. Quando, approfondite le indagini, gli inquirenti scoprirono conti miliardari intestati a Chiesa, seguendo le tracce lasciate da quel fiume di danaro, si arrivò ai vertici della corrotta Prima Repubblica: che venne decapitata. Si trattava di una intercettazione ambientale (una "cimice" nella 24 ore di Magni) e non di una intercettazione telefonica: ma avrebbe potuto esserlo.

Berlusconi ha annunciato ieri un provvedimento per vietare le intercettazioni (quali? telefoniche? ambientali? entrambe?) e ha promesso 5 anni di galera per chi le esegue (carabinieri? polizia? magistrati?) e per chi le propala (i giornalisti, ovviamente) e severe sanzioni economiche (2 milioni di euro di multa) per gli editori che le pubblicano,
escludendo dal provvedimento le intercettazioni per fatti di criminalità organizzata, mafia, camorra, 'ndrangheta e terrorismo.

Mi consenta, caro nano: ma se lei pensa di aver cavato per sé e per i suoi compagni di merende le castagne dal fuoco con questo annuncio, ha toppato alla grande. O deve tornare a scuola e ripassare la lingua italiana. Per criminalità organizzata, si intende
"l'insieme delle attività criminali compiute da più persone che operano attraverso una rete organizzativa articolata con lo scopo di raggiungere un profitto economico oppure di creare consenso su di una linea politica" (cfr. qui, pagina 2, 1° capoverso per la definizione).

Anche in vigenza di questo suo prossimo decreto, avremmo comunque avuto modo di conoscere la sua telefonata con Saccà, per aggiustare le cose in Rai (creare consenso su una linea politica). O quella con Dell'Utri a proposito di Mangano (cose di mafia). O con Totò Cuffaro (ancora mafia). E avremmo comunque saputo tutto su Calciopoli e Vallettopoli (profitto economico).
Sono certa, comunque, che i saggi del suo governo ci metteranno una pezza: con qualche comma ad personam (è così ricca e duttile, per chi la conosce, la lingua italiana!) sapranno come tutelarla da inconvenienti come quelli ora ricordati...

Sai, caro nano, chi ci rimetterà? Ci rimetteranno le vittime degli strozzini; le vittime delle estorsioni; dei rapimenti; le donne molestate dall'ex marito; le prostitute che denunciano i pappa... Tutta povera gente. Ma abbiamo anche noi frecce al nostro arco: i magistrati incaricati delle indagini dovranno affinare le proprie capacità dialettiche e logiche, ripassando bene i sillogismi
. Ricordate?

1) Tutti gli uomini sono mortali.
2) Socrate è un uomo.
3) Dunque, Socrate è mortale.

1) La telefonata tra Saccà e il Berlusca intendeva acquisire
il controllo dei vertici RAI.
2) Questa è una fattispecie di delitto punita
dall'art. 416 bis del Codice Penale
(associazione per delinquere di stampo mafioso).
3) Ergo, la telefonata è mafiosa.
4) E io ti intercetto, vaffan******! (ndr)

E se questo non bastasse, io ho già la penna pronta per firmare un referendum abrogativo, porca vacca!

View blog reactions

41 commenti:

Bleek ha detto...

Sai cosa?
o ero distratto... sai, con i miei orari capita, oppure ,a parte Di Pietro, non mi pare di avere sentito un coro d'indignazione provenire dall'opposizione...

Bah...
ci penserò questa sera...

Bastian Cuntrari ha detto...

Sottoscrivo, Bleek caro:
ho anche cercato in rete.
Ma, fatta eccezione per qualche magistrato e per Di Pietro, che giustamente citi, non ho trovato nessuna sollevazione.

Saranno i postumi dei bagordi del sabato sera?
Sarà la domenica svogliata?

Speriamo in un lunedì più attento...
Un abbraccio.

Bleek ha detto...

Alt, ho trovato un trafiletto dove, probabilmente impietosito, Castelli cerca di fare timidamente l'opposizione...

Oh jesus...

Bastian Cuntrari ha detto...

Letto! Non il trafiletto, ma sul sito de La7 qui: Castelli vuole lasciar fuori anche "i reati di corruzione e concussione, che sono poi i reati classici della pubblica amministrazione e della malapolitica".

È sacrosanto: e mi sembra che anche tu, come me, non faccia questione di "da che pulpito viene la predica", se la predica è giusta...
Nel resto della notizia (fonte APCOM), però, l'ex guardasigilli fa alcuni "distinguo": ad esempio parla di giornalisti "diffamatori" che dovrebbero "pagare" per le bugie che dicono. Bene: allora Travaglio non c'entra niente...

Speriamo in qualche altra voce.
(Anche tu, domenica al PC? Io un po' navigo e un po' gioco...).

Ciao!

Joe ha detto...

Ma come potete ancora appartenere all'Europa Unita? Perche' non vi cacciano fuori? Io penso di saperne il motivo e credo sia piu' militare che civile.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe: hai proprio ragione.
All'Europa (e non solo) servono le nostre basi e i nostri porti.

Ma siamo, policamente, una repubblica delle banane: chi alza più la voce, ha vinto... Condividi?

Un abbraccio.

Joe ha detto...

Condivido e mi preoccupo. Da quando Berlusconi e' entrato in scena l'Italia e' scesa, un gradino all volta, sempre piu' nella corruzione e nel sistema dittatoriale. Lui forse neppure se ne rende conto, ma internazionalmente l'Italia e' ormai vista alla pari con i paesi sudamericani. Credo vi doviate rimboccare le maniche al piu' presto e ritornare ai valori tanto ben rivendicati nella vostra Costituzione. E' meglio farlo ora pacificamente e non aspettare per molti orribili anni l'arrivo dei nuovi partigiani che vi libereranno a colpi di mitragliatrice. Ti ricordi dell'abulia e compiacenza degli italiani sotto Mussolini. Fini' molto male....

Bleek ha detto...

Non mi fido in ogni caso di Castelli...

Domenica al computer, disegno, leggo, faccio arrabbiare qualcuno...

solite cose...

Per ora continuo a confidare solo in Di Pietro...
non l'avrei mai detto.

Intanto mi studio la vignetta per domani, anche se a volte mi vien da pensare: ma che le faccio a fà...

Abbraccio

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe: credo che gli italiani le maniche se le siano già rimboccate.
Ma qui, ogni giorno ne spara una nuova!

Ancora i tecnici debbono accertare se la discarica di Chiaiano è conforme alle norme, e lui già dichiara che sì, lo è.

A margine (si fa per dire) del problema "monnezza" scoppia la bomba dei 25 arrestati, tra i quali l'ex braccio destro di Bertolaso, dell'Operazione "Rompiballe", in cui chi doveva pulire, in realtà inquinava. E i magistrati arrivano alle incriminazioni anche intercettando telefonate...

Allora che si fa?
STOP alle intercettazioni, ma non perché (come pensiamo noi maligni)
così la Casta può continuare impunemente a fare il proprio porco comodo... NO!
Il vero motivo, ci tengono a sottolineare oggi i difensori del decreto, è che costano troppo!
Quanto? 300 MILA EURO L'ANN0.

Dopo avergli baciato... l'anello (e qui mi fermo...) il Berlusca ha promesso a Razzinga che lo Stato Italiano (cioè NOI) avrebbe provveduto a finanziare anche le scuole private cattoliche: con quanto? Non si ancora: ma ogni anno le varie elargizioni al Vaticano costano allo Stato Italiano 4 MILIARDI DI EURO! (Fonte, "La questua", il nuovo libro di Curzio Maltese che fa i conti in tasca alla chiesa).

Caro Joe, dimmi tu? Posso rimboccarmi le maniche quanto vuoi, ma (e sono una pacifista) come faccio a costringere questa classe politica ad applicare la Costituzione, se lei, per prima, la usa come carta igienica???

Un abbraccio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Bleek: ieri ci siamo lasciati domandandoci com'è che l'opposizione non si era ancora fatta sentire.
Oggi Uòlter "parlicchia" abbastanza sottovoce, e urlano invece i magistrati.

Ti "rammarichi" (oppure ho frainteso?) di confidare solo in Di Pietro?

Io, personalmente, ne sono felicissima: guarda qui, verso la fine dell'articolo: più feeling tra me e lui non ce ne potrebbe essere! Pronto anche Di Pietro per un referendum abrogativo, 'sto copione!!!

Ti abbraccio.

Bleek ha detto...

Non mi rammarico, anzi...

Meno male che è rimasto lui.

Buona giornata, la mia non ho ancora capito se è iniziata, finita o se è semplicemente da ieri che continua...

Bastian Cuntrari ha detto...

Bleek, fai finta che sia ieri che continua: così avrai, anagraficamente, un giorno di meno!

Buon... boh?

Ti abbraccio

Joe ha detto...

Ieri ho visto un recente video in cui Berlusca inizia col dire che il nucleare e' sicuro e necessario e poi aggiunge che specialmente in Italia lo si deve fare perche' e' il paese di Fermi, uno degli scopritori della fusione dalle "cellule"!!!
Ora questo stesso individuo ci assicura che a Chiaiano tutto e' in regola per procedere con la discarica. Con questo conduttore dove pensate di arrivare?
Non credo che i Blogs siano la risposta a questo incubo nazionale in quanto poco frequentati.
Dovete scendere in piazza con pentole e coperchi e farvi sentire.
L'Italia paese di eroi (Mangano incluso ovviamente)? Penso sia piu' un paese di grassi conigli che amano calcio e televisione.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe. Prima di tutto correggo un refuso da tastiera:
le intercettazioni ci costano 300 milioni di euro (non 300 mila), ma - confrontati con i 4 miliardi dati al Vaticano (questa cifra è giusta) - sono sempre pochi.

Scendere in piazza con coperchi e pentole?
Lo abbiamo fatto e continuiamo a farlo: le piazze piene dei vari V-Day di Grillo ne sono una conferma.

Ma molti media rèlegano queste notizie alla fine dei TG (ammesso che le dìano), o in cronaca sulla carta stampata.

Forse hai ragione, dicendo che i blogs servano a poco: ma per ora è l'unica arma che abbiamo per scendere virtualmente in piazza ogni giorno...
Magari cresceremo...

Ti abbraccio.

ilpensatore ha detto...

mah, sono quasi stupefatto.
sono sorpreso perchè mentre tu dici che comunque Berlusconi ne risponderà e gli serviranno delle modifiche ad hoc alla sua proposta, Travaglio andava in rete dicendo l'esatto contrario, ovvero che Berlusconi con quella proposta metterà una pezza ad personam ai suoi ultimi guai giudiziari.

premesso questo, mi sento di doverti informare che non c'è stato nessun tentativo "mafioso" di conquistare i vertici Rai, che rimangono lottizzati, ma pur sempre "democraticamente" spartiti.
il tuo sillogismo aristotelico, quindi, va subito in panne.

quando poi quel processo si chiuderà con una bella assoluzione, o perchè no, con una clamorosa archiviazione, ne riparleremo?
dubito...sono convinto lo tirerete fuori ancora e ancora e ancora!

vorrei infine sapere una cosa: che c'entra il Vaticano?

facciamo così: nel tuo delirio anticlericale, taglia pure i trasferimenti di denaro alla Chiesa, a patto però che dalla Chiesa tu non tragga neanche il ben che minimo vantaggio in termini di incasso turistico.
facciamo così?

Fabio ha detto...

mia cara, ricordo (forse) il primo tuo post che commentai, parlava di pedofilia e fui piuttosto schietto nell'esprimere il mio pensiero duro a proposito della pena per quel reato, e non ho cambiato idea.
In base alla definizione, ad esempio, resta fuori proprio il reato di Atti sessuali con minore; non credo sia riconducibile ad attività che hanno lo scopo di raggiungere un profitto economico oppure di creare consenso su di una linea politica.
ti bacio e ti abbraccio

sylvie ha detto...

Le intercettazioni, a quanto pare, non piacciono a nessuno. Evidentemente sia a destra che a sinistra i "nostri" rappresentanti hanno un bel po' di scheletri nell'armadio da tenere a bada. Tutto questo mi sconcerta non poco...
Ho letto il tuo blog tutto d'un fiato. Davvero molto interessante e approfondito, complimenti!

Joe ha detto...

@il pensatore: non esiste delirio anticlericale. L'unico vero delirio e' quello clericale. Leggi, documentati, leggi ancora: cambierai idea. L'Italia e' vassallo di due paesi: il Vaticano e gli USA. Il governo di Roma e' subordinato a questi due poteri, uno dei quali tu difendi.

Bastian Cuntrari ha detto...

Caro Pensatore,
è probabile che tu abbia saltato un passaggio del mio post.
Esattamente quello in cui cito la definizione (non mia, ma del professor Ernesto Savona, Docente di Criminologia all'Università Cattolica di Milano) di criminalità organizzata, rappresentata quale "l'insieme delle attività criminali compiute da più persone che operano attraverso una rete organizzativa articolata con lo scopo di raggiungere un profitto economico oppure di creare consenso su di una linea politica".

Il promesso decreto contro le intercettazioni vorrebbe escludere le indagini sui reati commessi dalla "criminalità organizzata" (vedi sopra), oltre che dalla mafia, dalla 'ndrangheta, dalla camorra, e i reati di terrorismo.

Quello che ho affermato, e mi sembra tu sia stato l'unico cui il mio ragionamento non sia stato chiaro, è che, SE i magistrati inquirenti applicassero i sillogismi aristotelici alle richieste di intercettazione, si potrebbe far rientrare anche, ad esempio, la telefonata Saccà/Berlusca tra quelle ipotesi di reato commesse da un'organizzazione criminale (vedi sempre sopra), per le quali il ricorso a quel mezzo d'indagine è ammesso.

E tu non ritrovi gli estremi della "creazione del consenso politico" (sempre sopra devi vedere...) in un colloquio in cui Saccà chiede aiuto per mantenere la maggioranza del CDA della RAI? Non ci trovi niente di "mafioso" nella risposta dell'uomo di Arcore che promette di "richiamare all'ordine" i suoi scherani? Penso proprio di no, e me ne dispiace per te...
Se poi, come mi pare tu stia auspicando, il tutto si chiuderà con una (cito) "clamorosa archiviazione", io e chi altri lo tireremo fuori "ancora e ancora"??

E veniamo a Travaglio, che ho seguito anch'io in diretta, e che ha parlato dei processi dei quali non avremmo avuto notizia in vigenza del decreto minacciato (vado a memoria: le scalate bancarie, UNIPOL, BNL, AntonVeneta, praticamente i processi di Clementina Forleo, Fazio...).
Ma lui non ha avanzato l'ipotesi provocatoria dell'applicazione del sillogismo! È chiaro anche a me (pensa un po'...) che, se i reati di cui ha parlato non venissero assimilati a quelli commessi da "criminali organizzati"
(ma cos'altro sono?) non ne avremmo notizia.

Per finire, il mio "delirio anticlericale": be', non è molto carino... ma comunque...
Non mi sembra molto oscuro, al riguardo, il mio pensiero: il vaticano ci costa, attualmente, 4 miliardi di euro l'anno, cui saranno aggiunte altre erogazioni per le scuole private cattoliche, giusta promessa di qualche giorno fa.
Una delle ragioni addotte per creare consenso intorno al decreto anti intercettazioni è che costano troppo (300 milioni di euro).
Affermo che preferisco di gran lunga che lo Stato investa nella lotta ai criminali pittosto che dare lo stipendio ai preti: posso? O no?

E sì, rinuncio anche al turismo indotto dalla chiesa cattolica: in Italia non ci sono solo chiese da visitare. Magari così potranno essere riscoperti siti "laici e secolari" dimenticati da troppo tempo.

Sì, facciamo così...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Fabio: sì, ne sarebbero esclusi. Quando ho parlato della violenza sulle donne, per un lapsus tastierae (si potrà dire?) mi è rimasta fuori la vasta gamma delle violenze sui minori.
Grazie per aver colmato la lacuna.

Ricambio bacio e abbraccio.

P.S.: al riguardo, la penso sempre come allora...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Sylvie: grazie per il complimento e per esserti unita a noi!

Tutti, come giustamente dici, hanno scheletri nell'armadio: perché, a parte qualche presa di posizione forte, ho sentito (anche per chi esprimeva "cautela"), da sinistra e da destra, più "sussurri" che "grida".

A rileggerci presto!

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe: grazie per la risposta data al Pensatore. Probabilmente troppo vicino alle sante cose-della-chiesa, il Nostro non riesce a mettere a fuoco l'immagine di questo Stato italiano pronto a scattare sull'attenti e a dire 'gnorsì ad ogni diktat d'oltre Tevere.
La patologia è la catto-presbiopìa.

Ti abbraccio.

Joe ha detto...

Sono andato al suo Blog ed ho capito tutto. In inglese diciamo "save your time".
Un abbraccio anche a te.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe, curiosa come sono, figurati se non andavo a spulciare!

Credo che il tuo suggerimento significhi "risparmia il tuo tempo": e se ti rispondo che "I've lost my time", dico bene?

Ri-abbraccio...

Joe ha detto...

That's it. I didn't know you were conversant in English.
Se vuoi d'ora in poi potremmo continuare in inglese che per me ormai e' una lingua su cui ho piu' confidenza ;-)
Complimenti. Ciao.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe, noooo!!!
Sono felicissima delle "chicche" che ogni tanto mi lasci, e che sono un ottimo esercizio per sbloccare le mie arrugginite celluline grigie...

Ma scrivere in inglese no, caro, non ce la farei proprio! Però tu continua a stuzzicarmi, che io provo a tradurre...

Bye bye

(Eh? non te l'aspettavi, vero?)

Joe ha detto...

Sono certo che ti sottovaluti ;-)
Quel tuo cervello assai agile e "witty" l'inglese se lo puo' sgranocchiare...

ilpensatore ha detto...

evidentemente non ci siamo capiti:
il mio appunto al tuo post era per via del fatto che, sillogismo o meno, tu sostieni che non basterebbe quel decreto a salvare berlusconi dal processo per la corruzione con saccà, mentre, al contrario, travaglio paventa la sussistenza degli estremi per fare di quel decreto una nuova legge ad personam.
tutto qui...dopo di chè hai voluto aggrapparti a ragionamenti che non c'entravano niente col mio commento.

l'altra cosa che ti contesto è che nonostante il tuo sillogismo, secondo me, non risulta esserci alcuna possibilità di trasformare quello pseudo-tentativo (tutto da confermare) di corruzione in un crimine addebitabile ad una associazione a delinquere.
il motivo è semplice. Anzi, sono due:
1) quando si è inquisiti si parte con una accusa e si arriva con quella: se i pm hanno optato per la corruzione quindi, non possono perseguirlo per altro.
2) non c'è possibilità di influenzare politicamente la composizione del consiglio rai perchè quello è già pre-stabilito dalla legge.
a parte questo, oltretutto, è saccà che chiama berlusconi riferendogli di alcuni consiglieri riottosi e non il contrario.

ecco...non mi sembra di non aver capito il senso del tuo articolo, ma mi sono solo permesso di commentarlo.
puoi dire che è un malcostume quello di cercare di "piazzare" conoscenti in certi posti di lavoro, ma non puoi definirlo "reato".

ora, mi spieghi cos'è che non avrei capito?

ultima cosa:
non è mai tempo perso leggere o sapere come la pensano gli "altri"...e mi spiace leggere negli altri tuoi commenti ciò che insieme a joe hai scritto del mio blog.

sai...non siete simpatici quando fate i superiori...
mica per niente...perchè non lo siete...

Joe ha detto...

@il pensatore: non si tratta di sentirsi superiori, ma di essere su frequenze molto diverse.

ilpensatore ha detto...

frequenze diverse per cui uno è più n basso di un altro.

sai mica dove le distribuiscono queste frequenze?

non penso, in nessun caso, si possa arrivare a dire che è tempo perso discutere con chi non la pensa come te, solo perchè ha idee che stanno su frequenze opposte alle tue!

non a caso, invece di commentare le cose che scrivo io e dirmi "in faccia" ciò che ne pensi, ti sei ritirato qui per "pugnalare alle spalle".

non so, ma io lo trovo abbastanza scorretto o per lo meno non lo trovo per niente costruittivo o, se vuoi...affatto "degno" delle frequenze su cui presumi di stare...

Joe ha detto...

@il pensatore: ora sei diventato molto melodrammatico. Tu sei liberissimo di dire cosa vuoi dove vuoi e io sono libero di commentare su quello che ho letto sul tuo Blog dove voglio, incluso questo Blog che tu frequenti. La vita e corta ed ho imparato a dedicarmi a quello che mi sta a cuore e non perdere tempo con i diversivi.

ilpensatore ha detto...

il che è quanto dire: me ne sto tra i miei e mi disinteresso degli altri, chè tanto sono una perdita di tempo visto che non condividerò mai quello che pensano o che hanno da dire.
che è come dire: non discuto nemmeno prchè inutile; ed è inutile perchè so già che la mia idea vale più di quella degli altri.

ovvero: presunzione di superiorità.

aristotele e la tua amica bastian cuntrari te lo spiegherebbero sicuramente meglio...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Pensatore.
No, evidentemente non ci siamo capiti.
1) Travaglio paventa il pericolo che quella legge ad personas possa garantire l'impunità per i molti reati cha hanno come comune denominatore la corruzione dei nostri politici.

2) Io sostengo che se i magistrati inquirenti riuscissero a dimostrare che quella "corruzione" rientra in un più ampio disegno criminoso riconducibile ad attività di criminalità organizzata ("l'insieme delle attività criminali compiute da più persone che operano attraverso una rete organizzativa articolata con lo scopo di raggiungere un profitto economico oppure di creare consenso su di una linea politica"), le intercettazioni sarebbero legittime.
È vero che il Berlusca è indiziato, dalla Procura di Napoli, per corruzione.
Ma ti sfugge il particolare, non di poco conto, che una parte di quell'inchiesta è stata trasferita a Roma per competenza: e riguarda i tentativi del Cav. di conquistare nuovi senatori per la sua maggioranza nelle settimane precedenti il voto sulla Finanziaria.

3) E veniamo ai commenti miei e di Joe sul tuo Blog. Se tu, con tono saccente, ti senti autorizzato a commentare il mio post con frasi idel tipo "mi sento di doverti informare" e mi accusi di essere affetta da "delirio anticlericale", io - per parte mia - mi sento libera, dopo aver visitato il tuo blog, di dire che non mi interessa e che avrei potuto meglio impiegare il mio tempo.

Certo, è cosa buona e giusta visitare altri blog, e sapere come la pensano gli "altri".
E sul tuo blog ho trovato, tra le altre, due "perle" che che mi fanno dire che non mi piace.

La prima - Hai scritto una biografia di Travaglio (che ami come il fumo negli occhi...), astiosa e malevola. Citi Montanelli, quale suo mèntore, e di lui scrivi che "si sa ch’è stato fascista, poi che nel dopoguerra sognava una destra ideale". Hai omesso di ricordare che, già all'epoca della guerra civile in Spagna, venne radiato dall'Ordine dei giornalisti e sospeso da partito fascista per le sue idee liberali. E che nel '43, unitosi ai partigiani di Giustizia e Libertà, venne catturato dai tedeschi e condannato a morte. Sai (opinione personale), non basta un link a Wikipedia per colmare "omissis" così rilevanti...

La seconda - Ho letto il tuo "chi sono".
Ti definisci un moderato, vicino al centro-destra.
Perfetto: io mi reputo una liberale, quindi non dovremmo essere politicamente molto distanti. Affermi poi che i tuoi punti di riferimento "saldi" sono Dio, Patria e Famiglia.
E questo "slogan" non mi piace: è abusato, e sa di Ventennio. O no?

Chiudo con due parole sullo scambio di commenti tra te e Joe: non mi pare proprio che Joe abbia parlato di "superiorità".
Ha detto, e ne ha pienamente il diritto, che si è su "frequenze diverse", il che significa che non si è "in sintonìa". Sei tu che hai tirato fuori il discorso della "superiorità", dell'alto e del basso...

E poi, scusa! Quel "pugnalare alle spalle"!
Sa tanto di Francesca Bertini attaccata alle tende!
Il blog è uno spazio libero.
I post sono la messa online di (ti sto citando...) tutto quello che ci passa per la testa: i nostri pensieri e le nostre opinioni.
Non è detto che un'opinione lasciata in un post mi stimoli a tal punto da avere il desiderio di lasciare un commento. E non sto facendo questione di "omogeneità" di vedute: spesso lascio commenti (civili...) in post che sostengono idee che non condivido, ma che mi "intrigano".
Evidentemente, per Joe e per me, la molla dell'interesse - leggendo i tuoi post - non è scattata, e non perché si ritenga che le nostre idee valgano più delle tue.

È buffo che tu chiuda il tuo commento dicendo che "non siamo simpatici": è vero e, per parte mia, ricambio nei tuoi confronti la considerazione.
La συμπάθεια (sympatheia) ci fa provare emozioni "simili", sentimenti "in comune":
e io, con te, non ne trovo.

Bleek ha detto...

Ricordami di non farti incazzare...

;-)

Bastian Cuntrari ha detto...

@Bleek: domenica ci siamo scambiati un po' di "ciarle" qui e mi hai detto cosa stavi facendo: "al computer, disegno, leggo, faccio arrabbiare qualcuno...".
Non ci ho creduto, e non ci credo.

Con quella faccia un po' così,
quell'espressione un po' così...
(anche se non sei nato a Genova)
non potrai MAI farmi arrabbiare!

E poi, tu, sei troppo gentleman.
Un abbraccione.

M.Cristina ha detto...

stai manifestando una vena ironica degna di nota; ed io l'ho notata e quindi te lo dico: brava!

Bastian Cuntrari ha detto...

@M. Cristina, grazie!
Allora ti sono "simpatica", vero?
Ti abbraccio.

Joe ha detto...

Il tuo riferimento a "DIO PATRIA-FAMIGLIA, manualetto religioso per le forze armate" e' priceless.
La parola inglese per definirlo e' "corny". Chissa' quante preziose e assolute verita' sono esposte in questo manualetto? Mi piacerebbe poter sfogliare le pagine.....

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe, my dear tutor!
Purtroppo (si fa per dire...) non posseggo copia del prezioso manualetto, altrimenti te la regalerei volentieri.

Invece, per la mia english lesson, "priceless" è facile: senza prezzo, anche se preferisco l'aggettivo "impagabile".
Per "corny", invece, ho dovuto cercare sul dizionario: escudendo i riferimenti al grano, me lo traduce come "fritto e rifritto", "risaputo": it's correct?

Un abbraccio.

Joe ha detto...

Priceless = impagabile: 10/10
Corny non so come tradurlo con una parola ma all'incirca vuol dire sentimentale in senso idiotico, stupidamente semplice, datato, ecc.
Questa volta mi hai messo in difficolta' con l'italiano. Oh well....
Buona giornata :-)

Bastian Cuntrari ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.