sabato 10 ottobre 2009

Io Tarzan, tu Jane?
No: io Merdaccia, tu Strafico.

Negli ultimi due o tre anni della sua lunga vita - è mancato quando ne aveva 88 - mio padre era diventato "incazzoso": piazzato sul divano con il telecomando tra le dita - ormai propagine quasi fisica della sua mano - faceva uno zapping forsennato. Poi si fermava e se ne usciva con dei "ma va' in mona..." che erano il suo top dell'insulto: papà era una persona educata e io non ho preso da lui. Se sbirciavo per rendermi conto di chi/cosa lo avesse fatto tanto infuriare, nell'80% dei casi constatavo che si trattava di spot pubblicitari. Ma come cazzo si fa - mi domandavo - a prendersela con delle pubblicità? Una volta gliel'ho fatto notare: mi ha guardato a lungo, con quei suoi occhi azzurri, divenuti acquosi per l'età, e dopo un po' mi ha risposto: "Ma lo sai che hai ragione? Però ci sono cose che non mi vanno giù... Chissà: sarà l'età che me le fa notare più di quanto non facessi prima...".

F
orse oggi ho 102 anni, o giù di lì, perché sono incazzata nera per una pubblicità - made in Italy - che passa in questi giorni in TV. Il messaggio finale (almeno quello che io "registro") è che è meglio apparire che essere. È meglio avere un culo tosto, seni e labbra a salsiccia piuttosto che un cervello pensante. Meglio - molto meglio! - apparire in qualche Grande Fratello o Isola dei Famosi che sia, con un fisico abbronzato e palestrato, che farsi il culo sui libri - magari a 40 anni e con famiglia a carico - per prendere una fottuta laurea, come ha fatto (pochi giorno orsono) il mio amico
Calamar il Grande! Chi ha cervello, è sfigato. Chi si rimette a studiare a 40 anni è sfigato.

E lo è anche chi attraversa la campagna romana a bordo di una utilitaria o di una "Apetta", che ho sempre ritenuto un mezzo di lavoro. Lo slogan gioca sulla parola "rispetto" che - come ben sappiamo - è solo
per pochi. E come potrebbe un fottuto gregge di pecore, che ostruisce la carreggiata, rispettare una utilitaria o un'Apetta? Non può! Dovrà invece - perché necesse est - rispettare uno stronzo qualunque che girovaga senza meta per quella strada sgarrupata, magari in cerca di mignotte (perché la location è quella), ma che guida l'ultimo grido della Mercedes! E il gregge si apre come le acque del Mar Morto davanti a Mosè!
Altro che "va in mona" (scusa papà...)

ma va da' via el cul!!!


42 commenti:

ღღ Š î $↕ Ŧ ۞ ღღ ha detto...

Va be che la lega vuole il dialetto ma...Vada via ai ciap !!
é uguale.
Brava solo tette e culi e poco cervello del resto la moda è questa
Un saluto ciao Sisifo

il Russo ha detto...

Tuo padre era un grande, a neanche la metà dei suoi anni é da mò che mando affanculo il video quando vedo certe cose!

Pape Satan Aleppe ha detto...

E' un pezzo ormai che conta più l'essere che l'apparire ...

Gap ha detto...

A quelli per cui conta più l'essere che l'apparire, ma spesso lo dimenticano, ho dedicato l'ultimo post. Non è solo pubblicità pro domo mea ma un discorso serio.
Concordo con Il Russo, non avevi dubbi vero?

enne ha detto...

Vedi?
Poi io divento feroce, e mi viene da augurare alla Mercedes classe ha di forare tutte e quattro le gomme insieme.
Tuo padre mi ricorda il mio. sarà l'età, saranno gli occhi acquosi, che però a mio padre sono verdi.
Lui, che è stato un giovane incazzosissimo, adesso è domo. Ok, segue il tg di Fede, ma vogliamo condannare un uomo di 89 anni per questo?
Notte, gemellina. :-)

enne ha detto...

Notare: "classe ha".
Svarione ortografico o lapsus freudiano?:-)

Punzy ha detto...

Bastian, purtroppo stò messaggio passa pure dal pizzicagnolo quando vai a comprare la mortazza; servono prima le signore BBone.. :(

Rouge ha detto...

Non lo avevo ancora visto, di solito alle pubblicità giro o mi metto a far altro. Comunque il tuo ragionamento non fa una grinza.

Alessandro Arcuri ha detto...

Abominevole...

(comunque "ma va' in mona..."? Era veneto, tuo padre?)

fabio r. ha detto...

beh, questo - fortunatamente - me l'ero perso!
ma che schifo!
mavaffanculova!

fabio r. ha detto...

p.s. spero ardentemente che la bella, nuovissima, carissima classe A poi, dopo quella curva, si vada a schiantare in un fosso piena di merda di pecora...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Sisifo, certo che è uguale!
Anzi, accetto volentieri altri "vaffa" in vernacolo per ampliare il mio bagaglio cultural-insultante!
Buona domenica.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Russo, forse aveva solo una soglia di sopportazione superiore alla tua... e poi aveva ME, che sono una pagliaccia, vero toccasana per i momenti bui!
Un bacione.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Pape Satan, hai ragione.
Ma sbattercelo in faccia così senza pudore e platealmente... cazzo!
Ti abbraccio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Gap, l'ho letto ma non ho commentato.
È su un altro post che hai pubblicato che un tarlo mi rode e - coincidenza? - l'argomento è il valore del lavoro. Il valore delle persone che lo lasciano e di quelle che lo perdono... Ma debbo ancora "capirmi".
A presto, caro.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Enne, ancora affinità elettive?
Appena persa la mamma, ho passato con papà tutte le mie domeniche pomeriggio: dai 17 ai 19 anni. Andavamo al cinema, a teatro o leggevamo libri che insieme commentavamo.
Si è risposato e geneticamente modificato: quando - rimasto nuovamente vedovo - dopo più di 30 anni a Trieste è tornato a Roma per stare con noi, non si perdeva una puntata di Forum, o delle trasmissioni sulla salute, e il suo TG preferito era... quello di Fede!!! Prova ne sia che è il TG ad hoc di chi è un po'... rinco!
Ridiamoci su, gemellina, e tu - sinché puoi - goditelo ancora, il tuo papà: anche se non è più quello che ti piace ricordare.
Un abbraccio forte.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Punzy, ma allora tu sei sempre la prima ad essere servita!!!! ahahah!!!!
Un beso.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Rouge, mi spiace averti pugnalato alle spalle... Ma mica solo io ho da soffri'!!
Buona domenica.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Ale, era un triestino purosangue!!
Ciao, "bel mulo"...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Fabio, anche con te mi scuso per averti "costretto" a subìre questa cagata, tanto per restare in tema...

E sì, dalla regia mi comunicano che alla Classe A - causa la maledizione di Enne, più sopra - scoppieranno contemporaneamente le 4 gomme e finirà nel fosso dopo la curva. Ma non nella merda di pecora (sai, le pecore fanno quelle palline secche che non sporcano...), bensì in una maxi scafarda di mucca, molle e puzzosa!!!
Ti abbraccio.

ANNA ha detto...

Sempre delicata questa signora... però almeno so' da chi ha ripreso!!! eheheeheheh e quanno ce vò ce vò!!!!!!!!!! E che caspita!!! Però io, mo che l'ho guardata l'ho interpretata così:

Gregge di pecore che pensa "MIIIII di nuovo tra i gabbassisi questo! Facciamolo passare sto gran cornuto!!!"

Le pecore sono siciliane e hanno il tono di Montalbano!!! :))))

Bastian Cuntrari ha detto...

@Annare', la classe non è acqua...
(ma le pecore erano romanacce veraci!!!)
Buona settimana, cara.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Io spero che gli si apra anche la strada verso un bel fosso pieno d'acqua.
Che pubblicità del cazzo.
Concordo con la visione del Babbo, un grande.
Un abbraccio.

Ormoled ha detto...

Si una pubblicità fastidiosa. Vista la prima volta qualche giorno fa, e mi ha dato un po fastidio. A me di sto' post rimane la bella immagine di tuo papà :).
Ciao Bastian.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Pubbblicità che denota una forte strafottenza se mi passi il termine. Già era nauseante quella della prima Classe A con il "signorino" (a mazzate l'avrei preso io quel coglione sulla falsa riga di Lapo Elkann) che cambiava e prendeva la quella non so di che colore...

Questa é ancora più offensiva.

calamar ha detto...

Bè' innanzitutto ti ringrazio per la citazione, anche se ci tengo a dire che non mi sento uno sfigato (anche se la mia tesi, se vogliamo, era proprio sugli sfigati!!!) e riguardo alla pubblicità, che dire... evidentemente alla mercedes sanno che la loro macchina è dedicata ad un segmento di mercato fatto in gran parte di coglioni.

Danx ha detto...

Io è da anni, e son giovane, che mi incazzo con gli spot.
A febbraio e a marzo ne ho anche parlato nel mio blog.
A breve dovrò fare un sunto di alcuni spot, perchè son davvero una cosa senza senso.

Alessandro Arcuri ha detto...

@ Calamar: in realtà la Classe A mi pare guidata prevalentemente da mogli arricchite (di coglioni, evidentemente).

calamar ha detto...

@ Alessandro Arcuri : Si... Si... Certo. Mariti coglioni e furbi come un alce che spendono 25.000 euro per regalare alla mogliettina la Classe A.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Schiavi o Liberi, spero che qualcuna delle maledizioni che gli abbiamo mandato sortisca l'effetto: magari la ritirano dal mercato...
Un abbraccio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Ormoled, sotto voce e all'orecchio ti dico questo: anche se i nostri papà ci hanno fatto arrabbiare (e tanto...); anche se si sono comportati male con noi o con chi amiamo (sono esseri umani, con tutti i limiti e i difetti propri degli esseri umani), be'... quando se ne vanno la memoria gioca strani scherzi, e ti trovi a ricordare solo i momenti belli, o comunque quelli non dolorosi. Una sorta di catarsi postuma, ma che scalda il cuore. A buon intenditor...
Un bacio grande, amico mio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Daniele, se mi chiedi il permesso di "passarti il termine" strafottenza mi fai vergognare, con tutte le parolacce che ho scritto qui!! Quella che hai citato, però, non la ricordo: processo di rimozione?
Buona giornata.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Calamar, mi sono espressa male... anzi, malissimo! Volevo dire che ci sono persone che "sembrano" di serie A (come la Mercedes), e altre di serie "B", come noi comuni mortali. Sembrano, eh?
Ciao, Dotto'.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Ale e Calamar! Il vostro duetto me lo debbo stampare! Mio marito si era comperato un Classe A con cambio automatico, che io non ho MAI guidato!
Per fortuna l'ha data via.
Coglione... furbo come un alce...
Stasera mi diverto proprio!!!
Ciauuu

Alessandro Arcuri ha detto...

Chissà se il "furbo come un alce" di Calamar era pure una citazione cinematografica... (anche se avrebbe dovuto essere "furbo come un cervo")

Bastian Cuntrari ha detto...

@Ale, la battuta (ma con il cervo, non con l'alce...) la dice il Conte Mascetti in "Amici Miei":
Il Conte Mascetti: Sii astuto come un cervo.
Il Necchi: Che bischerate tu dici? Il cervo non è astuto. Semmai, astuto come una volpe.
Il Conte Mascetti: Sì, ma la volpe 'un ci ha mica le corna

Invece, tra alci, volpi e cervi c'è da morir dal ridere QUI!

Alessandro Arcuri ha detto...

Proprio quella citazione, intendevo! (Storia del cinema! Storia! Del! Cinema!)

"vada pure, signor Becchi"
"NECCHI!!!"

^___^

Calamar ha detto...

Scusate ...è vero intedevo dire cervo... era una citazione...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Calamar, lo sappiamo (io e Ale): e se vai più su vedi che abbiamo "studiato" scoprendo che è tratta da "Amici miei"!

Un bacio, Dotto'

calamar ha detto...

S, Si ... confermavo la vostra scoperta...

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e