giovedì 9 luglio 2009

The untouchables

Del primo intoccabile della mia vita ebbi contezza al suo funerale: era lo zio di un amichetto di giochi in villeggiatura. Avrò avuto 10 anni e il defunto era uno zotico perennemente incazzato, col mondo, con i paesani, con il nipotino - mio coetaneo - e con noi bambini tutti. L'ultima volta che l'avevamo incontrato eravamo su un campo di mele a raccogliere da terra quelle cadute dai rami - bacate, rinseccolite e schifose - perché dovevamo giocare alla guerra e fare un agguato all'esercito nemico (altri bambini) colpendoli a melate.

Il vecchiaccio ci beccò: il nipote rimediò una scarica di botte che ancora se la ricorderà e noi altri - che intanto ce l'eravamo data coraggiosamente a gambe levate - fummo raggiunti da una gragnuola di mele che quell'energumeno aveva iniziato a lanciarci. Qualche tempo dopo tirò le cuoia. Al funerale io me ne uscii con un: "Sicuramente andrà all'inferno, cattivo com'era!". E mia nonna: "Ssssttt! Dei morti non si parla mai male!" "Perché?" domandai. "Perché sono morti." Gli anni sono passati e la schiera degli intoccabili (anche solo a parole) si è allungata: la vicina zitella con le ubbìe da mancanza di scopate; il parente spocchioso so-tutto-io che spara cazzate, ma guai a contraddirlo...


Si è allungata anche la lista degli "intoccabili per carica ricoperta". È iniziata in 4^ elementare quando, in classe, c'era il figlio di una maestra di un'altra sezione: mi ricordo i "dettati".
Di solito l'insegnante dettava dalla cattedra. E invece no: la nostra lo faceva in mezzo ai banchi e,
guarda caso!, proprio di fianco al posto in cui stava seduto lo stronzo figlio della sua collega. E io la vedevo, la porca maestra che - col dito adunco - faceva segno dove l'imbecille aveva sbagliato e gli bisbigliava la grafìa corretta: suggeriva, cazzo! Quella volta che mi ribellai, dicendo soltanto: "Ma non vale! Mica si può suggerire!", mi beccai una nota sul diario che faceva vagamente cenno al mio essere "indisciplinata". Quando la sottoposi alla firma dei miei, trasecolarono. Ne spiegai il motivo, ma - certamente obtorto collo - sia il papà che la mamma sentenziarono che "la maestra sa quello che fa".

L'ultimo nome che ho sull'elenco degli "intoccabili per carica ricoperta" è quello del Presidente Napolitano. Con tutto il ripetto, non è il mio tipo, politicamente parlando. Insomma, mica sarà infallibile, no? Per cui qualche cantonata (dal mio punto di vista) potrebbe anche averla presa. Ad esempio, non mi è piaciuto il monito ai "PM troppo protagonisti", all'indomani delle elezioni europee, in cui una delle facce nuove era Luigi De Magistris. Né - più recentemente - ho particolarmente gradito l'appello di "una tregua alle polemiche" (erano i giorni caldi di Villa Certosa e Palazzo Grazioli, delle escort e delle veline) almeno fino alla fine del G8. Che significa? Che dobbiamo far finta di essere la bella famigliola italian style con mammà che lava i panni, cuce e canta, papà che lavora e torna a casa sbaciucchiando tutti e i pargoli che hanno fatto i compiti, messo a posto i giocattoli e si sono lavati pure il collo e le orecchie e poi - una volta che gli "ospiti" hanno girato l'angolo - torniamo a mammà che fuma come una turca mentre si guarda il Grande Fratello e scalda la cena al microonde, papà che bestemmia come un satanasso e la prole che rutta e scorreggia in ascensore?

Ma quella che davvero non mi è andata giù è stata la convocazione di Angelino Alfano al Quirinale perché il Governo rivedesse il testo del decreto sulle intercettazioni. Cazzo! Ma perché non glielo hai fatto presentare così come lo avevano elaborato e poi li fregavi non firmandolo? Mi ritrovo a urlare - come tanti anni fa - "Ma non vale! Mica si può suggerire!". Già aveva fatto qualcosa del genere sul decreto Eluana, con la famosa lettera di avvertimento. E ora, porca l'oca, di nuovo: faglielo presentare, il cazzo di disegno di legge, e poi glielo bocci e lo rimandi in Parlamento! Tanto più che giusto un anno fa, Napolitano stesso ha bacchettato il CSM che aveva espresso un proprio parere sul decreto blocca processi, affermando a chiare lettere che il Parlamento "è sovrano e farà ciò che vorrà". E se qualcuno osa levare una voce di dissenso, apriti cielo! Bene che vada, si dirà che è "intollerabile" coinvolgere il Presidente nella polemica politica: ma a me sembra che sia stato il Presidente ad esporsi per evitare lo scontro politico. Schierandosi inevitabilmente dalla parte del Governo. Caro Presidente, dovevi farglieli fare i compiti a 'sti fetentoni, e correggerglieli dopo, quando eri a casa. Belle righe blu e rosse. Perché suggerire - o correggerglieli in classe - non vale.
E mo', mettetemi una nota sul diario...


30 commenti:

Punzy ha detto...

Ma figurati, carissima.
Quello non ha le palle nemmeno di starnutire, figurati di bocciare qualcosa..siamo noi che dovremmo bocciarlo ma nemmeno questa soddisfazione ci è data: non eleggiamo il presidente della repubblica.
Nè, se è per questo, i nostri rappresentanti in parlamento
almeno a scuola i rappresentati si classe si eleggevano :)

il monticiano ha detto...

NO! Invece con o senza il permesso della gelmitini, gemitini, come cacchio si chiama, del rettore magnifico dell'università, del docente della facoltà di opportune incazzature, dopo questa dotta e brillante tesi hai ottenuto una bella laurea con 110, lode e abbraccio di...Quello te lo scegli da sola.
Ammazza però che peste eri da piccola.

Una voce dal fondo:perchè adesso scherza?

il monticiano ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Alberto ha detto...

Napolitano cerca di prevenire i grattacapi con sistemi non proprio ortodossi.

il Russo ha detto...

Mah, io non sono un napolitano's fans ma neanche mi accodo a tutti quelli che gli danno addosso.
Il presidente della Repubblica in Italia conta più o meno una cippa, dev'essere il garante di tutte le forze politiche (compresi quei marcioni che ci governano) e l'unica "arma" che ha è quella della moral suasion, detto questo mi piacerebbe che opposizione la facesse chi sta all'opposizione stessa e che la Corte Costituzionale con i suoi membri, invece che vanno a cena con papi, bocciasse certe porcate...

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Lasciamo perdere il Presidente, su cui ho già postato, e non voglio aggiungere altro perchè esiste il reato di vilipendio, ma sta cosa che lo stron... più stron che esista, solo per il fatto di essere defunto, diventi un santo è proprio un'idea stupida ed incomprensibile. Anche questo mi è capitato di dire in un commento a proposito di MJ: ho espresso la mia ammirazione per una vignetta quandio morì, e ci diedro addosso solo perchè era morto: capire la logica degli altri...

Franco ha detto...

Bastian ti adoro!

ANNA ha detto...

Funziona così da queste parti, l'apparenza viene prima di tutto! Ad alcuni lo inculcano già da bambini e da grandi eccoteli lì ipocriti, falsi, bigotti, bugiardi! Concordo con Il Russo che dice che in Italia il presidente non conta una cippa... ma sono dell'opinione che se davanti a delle telecamere fai determinate dichiarazioni e mandi tutti a ca... castagne e ti fai SENTIRE e ti fai VALERE ottieni di non essere solo una presenza di ruolo, soprattutto fai quello che DEVI! Mi sembra che in passato ci siano stati presidenti della repubblica decisamente più incisivi! Ciao cara un abbraccio e per questo compitino ti metto bravissimaaaaaaaaa! :))

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Sai mi lascia perplesso che Napolitano aiuti l'allievo asino contravvenendo alla volontà della Gelmini che vuole più severità.... sic....

Anonimo ha detto...

Devo commentare?

enne ha detto...

Posso mettertela io una nota, gemella diversa?
Scusami, e non "ci litighiamo", ma Napolitano, uomo stoccafisso, ha agito in maniera corretta.
Oddio, sarà che non amo l'Idv, e tu lo sai, ma consigliare di correggere un testo di legge piuttosto che aspettarla al taglione non mi sembra un peccato mortale. E' solo un'opinione, Bastian.

ps. Non ci litighiamo più se ti dico che ho destinato anch'io l'8 x mille ai Valdesi? :-)

Le Favà ha detto...

Mi verrebbe da scrivere molto spropositi, ma per salvare me stesso dall'inferno e te Bastian, dico solo che quoto quanto detto dal Russo.

Dell'articolo, si capisce molto come far politica e come imporre la propria politica.

Gap ha detto...

A livello razionale sarei d'accordo con il Russo e con Le Favà, anche nello scrivere spopositi. Scelgo una via di mezzo.
Corretta la procedura, ma se lo avesse detto un pochino a voce alta, un pochino più incazzato, un pochino più di quello che volete, non sarebbe stato meglio per tutti?
Per noi che avremmo un Presidente rispettabile, attento e in grado di vigilare con fermezza, e lui che non si sarebbe tirato dietro l'ira delle cagnette di destra e sinistra.
Non dico sbattere la scarpa come il mitico Krusciov (Chruščёv) ma almeno alzare la voce come Pertini o, per quel che gli permetteva il tono, Scalfaro?

Joe ha detto...

Questo e' il peggior presidente che l'Italia abbia avuto. Firmo' pure il lodo Alfano in un nanosecondo anche se palesemente anticostituzionale!.
Credo che qualche mela secca sulla testa se la meriti proprio.

XXX

ღღ Š î $↕ Ŧ ۞ ღღ ha detto...

Il buon giorno si è visto dal mattino: signora maestra non è giusto..!!!!
E poi hai continuato.
Per fortuna. Grazie per le tue opinioni più delle volte nettamente condivise.
Ti saluto buon week a presto Sisifo

Bastian Cuntrari ha detto...

@Punzy, che culo abbiamo, eh?
Sapessi quanto ho rosicato in questi giorni guardandomi Obama e pensando a tutti quegli americani che l'avevano scelto e votato! Che invidia...
Un bacione.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Monty, ho stampato il tuo commento e la laurea che mi hai conferito honoris causa me l'appendo a studio: fangala! Alla fine ci sono riuscita!
La dott.ssa Bastian Cuntari ti abbraccia, amico!

Bastian Cuntrari ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Bastian Cuntrari ha detto...

@Alberto, in famiglia diremmo che questo si fa "per il quieto vivere".
Ma in politica un atteggiamento così tartufesco non so proprio come inquadrarlo...
Buona domenica!

Bastian Cuntrari ha detto...

@Russo, mi sta bene il ragionamento che hai fatto: lancia messaggi e chi ha orecchie per sentire... Ma il tentivo di "moral suasion" deve anche essere esperito in tempi e con modalità che non dìano adito a sospetti. Ultimamente lo ha fatto anche con la nomina del Presidente della Commissione di Vigilanza RAI, ma lo ha fatto coram populo, alla luce del sole. Per la questione del decreto sulle intercettazioni, avrebbe potuto utilizzare la platea del plenum del CSM, dei primi di giugno (anziché puntare il dito contro i magistrati protagonisti): tutti avremmo sentito cosa aveva da dire.
È 'sta faccenda delle cose fatte in segreto e a porte chiuse che non digerisco: non sappiamo un cazzo di cosa si siano detti davvero, e continueremo ad essere - in questo porco paese - l'ultima ruota (tra le ruote di scorta) del carro...
Ti abbraccio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Vincenzo, ho letto solo oggi il tuo post vs Napolitano, perché ancora non eri nel mio Reader: giusto l'invito al Presidente perché la tregua sia bilaterale!
La vignetta su MJ non l'ho vista...
Ciao!

Bastian Cuntrari ha detto...

@Franco, ammmoreee!
... e scommetto che sei andato a ninna ghignando con la storia delle scorregge in ascensore!
Un bacio grande, mio caro.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Annare', brava! Nella risposta al Russo mi sembra di avere espresso le tue stesse riserve.
Besos.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Daniele, ma è come la storia della mia maestra di 4^!
La severità è destinata ai cittadini di serie C (cioè a noi), mica ai figli di altre maestre o agli altri iscritti al Club della Politica...
Un abbraccio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Enne, io e te "non saremo mai litigate*"! Hai ragione, non è un peccato mortale, ma è - dal mio punto di vista - un peccato politico. Delle due l'una: o, come ha detto al CSM nel link che ho riportato, "il Parlamento è sovrano e farà ciò che vorrà"; oppure, per quieto vivere, suggerisce. E non mi piace.

Brava per l'8 per m ille!!!
Un bacione, soreta.

*... si diceva così, da ragazzine...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Le Favà, e allora mi tocca ribadire che avrei gradito esternasse davanti a telecamere, e magari a reti unificate.
E non nel privè del suo studio.
Buon fine settimana, amico.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Gap (e pure Anonimo, vero?) non è possibileeee!!!
Siamo d'accordo, 'sto giro!! Se farai piovere, non so cosa ti farò, amico mio...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe, le mele non le ho: vanno bene anche i sanmarzano? Sono mosciarelli, a dire il vero...

XXX

Bastian Cuntrari ha detto...

@Sisifo, e continuerò ancora! Che razza di gramigna, eh?
Ti abbraccio.

Icekent ha detto...

anche io credo che istituzionalmente napolitano nn abbia sbagliato.
di stomaco direi che avrebbe dovuto convocare subito alfano, appena presentato il disegno di legge, senza attendere il voto alla camera. così facendo però avrebbe scoperto il fianco verso chi lo avrebbe accusato di ingerenza nella funzione legislativa.
naturalmente, se gli fosse stata mossa una critica simile, avrebbe potuto dire che, guardandola bene, la funzione del parlamento è un tantino svalutata, negli ultimi tempi, ma tecnicamente non ha sbagliato.
si può anche dire che in altri paesi democratici nessuno si penserebbe di inventarsi una norma del genere, ma questa è la dimostrazione di come la democrazia sia fondata sulla morale e sull'etica, cose cioè che possono essere facilmente modificate da preti e presentatori televisivi.