sabato 2 febbraio 2013

Leggittimo?
...'n par de palle!!

Siccome che ar condominio mio, pure se semo solo otto, semo tutti vecchi rincojoniti, all'urtima riunione - tanto pe' nun fasse manca' gnente, perché a spenne li sordi a uffa semo ancora foorti!!! - avemo deciso de fa' 'n contratto co' 'na ditta de tuttofare.
C'hai presente? Quelli che "accaventiquattro" te vengheno a casa come idraulici, falegnami, pittori, muratori e devono ripara' tutto? Insomma... firmamo e pagamo anticipato.

Da contratto, avevano da veni' - er titolare e puro er socio suo, che a me me pare 'n garzone de bottega che j'aregge giusto la borza de' l'attrezzi - a li primi de gennaio: e l'appuntamento, da mo' che l'avevamo preso! Stavamo tutti giù a le caldaie aspettanno la gran coppia, manco fosse 'na prima ar cinematografo - semo penzionati e nun c'avemo un cazzo da fa' - quanno che sentimo parti' la marcia de li berzajeri... Ah, si! Era la soneria der cellulare  der Generale der terzo piano, ch'era generale dei berzajeri nell'anni der cuccù e ancora se penza de esselo. E siccome che è sordo come 'na campana (che se semo sempre domannati che cazzo ce fa' cor cellulare) je lo pijo io da la saccoccia e risponno cor vivavoce:

"So' la segretaria der Generale: chi parla?"
"Sora Lucì, v'ho riconosciuto! So' Luigi, er tuttofare. Dovevo da veni' oggi..."
"Come 'dovevi'? Devi da venì! Stamo tutti qua a aspetta' te!"
"Nun posso, me spiace... c'ho 'n'impedimento che è sopraggiunto..."
"Che cazzo dici, a' Luiggi? Che vo' r di' 'sopraggiunto'? L'appuntamento l'avemo fissato a giugno!! Sposta l'impedimento, 'tacci tua! Ce stamo prima noi!"
"Nun posso... me so' candidato..."
"Te sei candidatooo? A fa' che, che manco sai fa' la "O" cor bicchiere?"
"Me vonno fa' presidente de la bocciofila de quartiere, ce stanno l'elezzioni e so' candidato..."
"Embe'? E a noi che ce frega? T'avemo dato li sordi - a te e a quell'artro - e dovete da veni'! Mica te l'ha ordinato er dottore che devi da fa' er presidente de la bocciofila!"
"Sora Luci', me spiace, ma è 'na quistione de democrazzia: c'ho er leggittimo 'mpedimento che nun pozzo veni'!"
"...Aritacci tua, Lui'... va be'... mannace quell'artro gragarozzone de l'amico tuo..."
"Nun po' veni' manco lui... è candidato pe' la vicepresidenza..."
"Ma porca zozza! Famme capi'? Noi te pagamo a te e a lui, giusto? C'avete n'impegno co' noi da mesi, e ve n'annate a fa' li comizzi pe' la bocciofila? E 'sti cazzi! Nun te dovevi candida'! Oppuro, te fai elegge' senza fatte propaganda!"
"Ahhhh... Sora Luci'... tajamo la testa ar topo... Io c'ho l'impegno democratico de la candidatura, er socio mio puro. Sicché er leggittimo 'mpedimento ce sta' tutto. Si nun ve sta bbene, so' probblemi vostri! Ve saluto".

E m'ha riattaccato er telefono, quer gran fijo de 'na mignottona senza mutande! Semo rimasti senza di' 'na parola per un po'... Poi er Generale s'arza e ce dice: "Datemi mezz'ora!" e se ne va. Magara so' passate 'n par d'ore, ma poi è tornato e c'ha riconvocato tutti a le caldaie.
"Tutto sistemato, amici e condòmini!". Perché er Generale parla così, manco fossimo tutti sottoposti sua... 
"Ho parlato con la giunta uscente della bocciofila e ho fatto presente l'incresciosa situazione appalesatasi e l'assoluta non affidabilità dell'individuo Luigi, che pone in non cale impegni precedentemente assunti... E il comitato ha convenuto che un incarico di cotanto prestigio non può essere ricoperto da un villano che non rispetta la parola data e la sua cadidatura è stata prontamente rimossa dalle liste! E sono fiero di annunciarvi che hanno sollecitato la mia, di candidatura, e che... ho accettato!" 
Standing ovescion e applausi.

Che ve lo dico a 'fa? Avemo capito la metà de quello che aveva detto: la Sora Cesira - quanno c'ha sentito "appalesatasi" - s'è fatta bianca bianca. Nun ve dico che stava a sveni' per il "non cale", ma poco c'è mancato... Comunque mo' - ch'è passata 'na settimana - ristamo a le caldaie e stamo a aspetta' li due. Intanto avemo sgrugnato la recinzione de legno dell'arbero der giardino, che la devono da rifa'. La Sora Cesira s'è messa a fa' li graffiti pe' le scale, così le devono pittura'. Er Generale ha messo 'no straccio ner cesso - tanto lui ce n'ha due - che s'è otturato. E puro quello lo devono sistema'... Ah... si se potesse fa uguale pure co' tutti l'artri facchetotum e co' li loro portaborze!

8 commenti:

il monticiano ha detto...

Troppo forte, me so morto da le risate e pperò m'è venuto 'n dubbio:
nun è che c'hai ricconnato 'na gran fregnaccia tanto pe' tiracce su er morale e fa' veni' fora er paragone coi facchetotum e compagnia cantanno?

Bastian Cuntrari ha detto...

@Monty... la tua sottile arguzia e il tuo fiuto mi stupiscono sempre più!!!
Che paraculo!
Ti adoro...

cristiana2011 ha detto...

Nun me offenne l'Arduccio mio che sinnò te sdrumo.
Che ne dite? 7+?
Bastian sei mitica!
Cristiana

Blogaventura ha detto...

Oddio ma lo sai che io ho l'amministratore che fa l'amministratore quando non ha il legittimo impedimento... der circolo der tennis? Un salutone, Fabio

Bastian Cuntrari ha detto...

@Cri, ma che dici???
Non sai che tra Aldo e me cìè un feeling che va ben oltre (!!!) la frequentazione via blogger???

Un beso, cara.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Fabio, ce l'avevo pure io!!! Ora ho risolto con la casetta indipendente: pensaci... se puoi...

Ti abbraccio.

Luz ha detto...

Almeno dopo il telegiornale me so' fatta du' risate!
Grazie cara.

Ernest ha detto...

Me so' ribbaltato da e risate...