martedì 17 giugno 2008

La Class Action slitta a gennaio
...ed Erin Brockovic
si gira i pollici

Di cose buone, diciamocelo, il governo Prodi non ne ha fatte molte: ma a novembre dello scorso anno ha licenziato il provvedimento istitutivo della Class Action, l'azione o, se si preferisce, la causa collettiva di soggetti diversi che abbiano in comune la stessa pretesa da far valere dinnanzi al giudice. Il bel film su Erin Brockovich, che vinse una causa da 330 milioni di dollari promossa contro la Pacific Gas and Electric Company, colpevole di aver contaminato la falda acquifera di una cittadina della California, provocando tumori ai residenti, è forse l'esempio che conosciamo meglio: in quella vertenza si tutelavano gli interessi di 260 querelanti.

Fortemente voluta dalle associazioni dei consumatori, sarebbe entrata in vigore a fine giugno: ma il minsistro per lo Sviluppo Economico, Claudio Scajola, ne ha annunciato lo slittamento a gennaio 2009. Perché? Perché va migliorata. Esistono, all'interno del provvedimento, aspetti sicuramente perfettibili. Ad esempio, il "consumatore" che può partecipare ad una class action è identificato solo come "persona fisica", escludendo, ad esempio, un artigiano o un libero professionista, considerati "persone giuridiche". Prevede inoltre un tentativo di conciliazione che, se dovesse avere un esito negativo o insoddisfacente, costringerebbe parte ricorrente ad adire il giudice ordinario, con tempi di giudizio che ben si conoscono. Molto esplicitamente su questo slittamento si è pronunciato il presidente di Altroconsumo, Paolo Martinello che, in soldoni, dice: "Miglioratela in Parlamento, ma non bloccatela!" Si vanificherebbero così anche gli indubbi aspetti positivi che la legge introduce: ad esempio, la drastica riduzione delle spese legali (da dividere tra i partecipanti alla action) e, se non vogliamo apparire troppo venali, lo sfoltimento del lavoro sia delle cancellerie che ruoli dei Tribunali. Purtroppo, nonostante le assicurazioni del ministro Brunetta di pochi giorni fa, sembra che Scajola possa avere la meglio.

Ma chi è tanto interessato allo slittamento? Ecco qua la risposta.

Dunque, a Confindustria non piace. Ma forse non piace tanto neanche a Telecom, nei confronti della quale è pronta una class action, proposta da 3.500 utenti, per le bollette gonfiate. Forse non piaceva tanto neanche alle banche coinvolte nel crac Parmalat, Deloitte Touche, Grant Thorton, Citibank, Bank of America, Nextra (oggi Eurizon), Morgan Stanley e Deutsche Bank. E magari neanche ad Alitalia, nei confronti della quale la Lega Nord ha raccolto firme per far decollare (scusate, umorismo involontario...) una class action per il taglio dei voli da Malpensa: hai visto mai che la compagnia di bandiera ci debba rimettere, in risarcimenti, il prestito da 300 milioni di euro! Un altro elenco di azioni collettive pronte a partire lo trovate anche qui.

Mentre stavo digitando, è arrivata la sveglietta da GoogleNews: c'è una nuova notizia. Il nuovo governo promette niente retroattività e fuori i grandi crac: non mi va di pagare per leggere tutto l'articolo, quindi avremo più tardi notizie fresche. Sono proprio curiosa di sapere come si metterà la Lega. L'ho già fatto una volta scrivendo a parlamentari donne di FI; e di nuovo recupererò in rete gli indirizzi mail di deputati e senatori leghisti se caleranno le braghe davanti a questo nuovo diktat, rimangiandosi l'operazione tutti insieme appassionatamente: "Un abbraccio a tutti i lavoratori di Malpensa,
noi non vi lasceremo soli, la Lega non vi lascerà" (Bossi dixit).
Sono troppo rompicoglioni? Sarà l'età, ma mi piaccio così.

View blog reactions

21 commenti:

Andrea ha detto...

ma guarda ,pensa semplicemente alle assicurazioni. a proposito : mediolanum lo è? ;)
ciao!
Blub

Max ha detto...

Quello è uno dei pochi film della Roberts che mi sono piaciuti e che riuscirei a riguardare! Purtroppo in Italia non fanno altro che stare appresso a chi c'ha i soldi ... e non sono le persone interessate alla class action.
Sono li da 6 mesi soltanto e stanno infangando un sacco di cose ... a questo punto forse sarebbe un bene che riuscissero a farle: ci ridurrebbero in ginocchio, ma almeno la gente smetterebbe di votarli!!
Visto il risultato delle elezioni a Catania? Scapagnini (medico personale di Berlusconi) ci lascia un buco da 800mln di euro e i catanesi che fanno? votano una specie di "continuità", incomprensibile!

Ma pensiamo ad altro. Interessa l'intervista a Paolo Cingolani? sul mio blog http://twurl.nl/6kvtkm

Bastian Cuntrari ha detto...

@Andrea: già... guarda caso...
Non ci avevo pensato!

Un abbraccio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Max: 6 mesi? Da 2 sono stati eletti e da un mese (poco più o poco meno) si è insediato il governo!

Oggi ho ascoltato su Omnibus (La7) una considerazione molto interessante di Stefano Menichini, direttore di "Europa". Azzarda una ipotesi su cui sarebbe bene ragionare: in soldoni, afferma che il cav., con questi colpi di mano delle leggi ad personam, sta costruendo una "trappola" in cui, volente o nolente, l'opposizione deve cadere.

E mi spiego meglio: l'opposizione si vede costretta ad urlare "attenti al lupo!" e ciò consente al nano di replicare: "Vedete? Anziché pensare alle grandi riforme che porto avanti, pensano solo ad attaccare ogni giorno la mia persona!".

Questo rimette in gioco l'anti berlusconismo sterile del governo Prodi e consente all'uomo della providenza di presentarsi ancora, in primo piano, quale vittima sacrificale.

Tesi, a parer mio, molto arguta.

Ora vado subito a vedere l'intervista con Cingolani (ho il reader con il tuo blog che mi ha segnalato la novità).
A presto.

Max ha detto...

sono solo 2 mesi? a me sembrava fossero molti di più!!
Certo però non si può dire che stiano con le mani in mano ... purtroppo.

La tesi "Al lupo, al lupo" è molto arguta, quindi non credo che appartenga al cavaliere. Intendiamoci, non lo sottovaluto, solo penso che effettivamente lui cerchi di fare passare leggi di convenienza in mezzo al resto. Piuttosto quello che descrivi lo vedo come un effetto secondario su cui magari spera ... e che otterrà!

Benvenuta tra i miei readers!:-)

tasti ha detto...

la tesi è arguta, però non occorre agire di strategia dato il contesto...
Le repliche dell'opposizione sono degne dell'opera dei pupi...
Berlusconi sa che non c'è opposizione, perché dovrebbe temerla? Perché cappuccetto rosso comincia ad urlare "al lupo! al lupo!"?
Forse dovremmo compiangere davvero il povero walter per "il crollo delle illusioni"? Bè, qualcuno me lo mandi a casa ed in un paio d'ore gli spiego com'é fatta la vita reale...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Max, caro, sono solo due...
è come quando hai mal di denti e dici: "'a dotto', è 'na settimana che me fa male!", e magari chi ti sta vicino ti corregge con un "ma che stai a di'! So' ddu ggiorni!"
Quando si soffre, il tempo si allunga a dismisura.

Quanto alla tesi di Menichini, forse hai ragione: la "strategia" magari non è farina del suo sacco, ma mi sembra possa funzionare alla grande.

Un salutone.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Tasti: forse il miglior commento alla opposizione che non c'è, l'ha fatto oggi - senza parole - il solito Bleek, per cui non nascondo di avere un debole...

Joe ha voluto che nascondessi le "mazze", che avevo minacciato di usare su di lui. L'ho fatto e ora non mi servono più: magari te le mando per sottolineare a Uòlter qualche passo delle spiegazioni che gli darai a casa.
Pacatamente, serenamente...

Un abbraccio.

Joe ha detto...

Paolo Martinello che, in soldoni, dice: "Miglioratela in Parlamento, ma non bloccatela!
Ci penseranno loro a migliorarla, siate certi di questo! Come e' possibile che l'Italia sia diventata il paese degli ingenui? Non si e' imparato nulla dalla storia tormentata di questo Paese?

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe: è sicuramente colpa mia, che non sono riuscita a rendere bene il pensiero di Martinello, che tutela gli interessi dei consumatori.

Sono tutti d'accordo che necessiti di aggiustamenti, ma sono contrari allo slittamento perché, in primis si bloccherebbero le prime cause collettive già pronte a partire. In seconda battuta, temono che tra le "correzioni" paventate, ci si possa infilare - ad esempio - anche la non retroattività della norma. Forse, più che di ingenuità, si sta peccando di buona fede, ammesso che la buona fede sia un peccato...

Vedremo cosa farà Scajola: in rete non ci sono aggiornamenti. Stay tuned.

Un abbraccio.

Joe ha detto...

Non sapevo chi fosse Martinello, ma visti i precedenti della banda del Cainano, chi puo' piu' illudersi che la modifiche siano a favore dei consumatori? In inglese diciamo che si tratta di wishful thinking.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe: credo che noi, che dobbiamo sempre infilarci qualcosa di "sacro", tradurremmo il "pensare pieno di desiderio", l'"auspicio" (meglio non mi viene...) con "pia illusione".

Il concetto è chiarissimo.

Joe ha detto...

Not bad! ;-)

Bleek ha detto...

Già era "zoppa" di suo quando è nata,
se la "miglioriamo" ancora, finirà su di una sedia a rotelle...

marina ha detto...

ostile e rozza è la Confindustria!
ostile a tutto quello che anche lontanamente possa limitare il suo strapotere sulle vite altrui!
marina

Bastian Cuntrari ha detto...

@Bleek: io temo che l'affosseranno completamente, spogliandola delle sue connotazioni di vera tutela per i cittadini.
Per fortuna, leggo oggi che Codacons se ne frega del ventilato rinvio, e partirà egualmente con la prima class action.
Pessimisticamnte, però, mi aspetto qualche provvedimento ad aziendas...

Ti abbraccio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Marina: la Marcegaglia, che ieri ha dichiarato, a proposito della Robin Hood Tax, che "Confindustria sarà a fianco dei produttori di petrolio italiani che si sentono colpiti da questa manovra del governo", comincia a fare le bizze. Non le è bastato il richiesto (e ottenuto) rinvio della class action: ora vuole fare l'asso piglia tutto e chiede che la normativa sia un po' più chic, magari griffata... tipo Dolce&(volta)Gabbana...

Un abbraccione.

Joe ha detto...

Articolo stupendo di Franco Cordero sulla Repubblica.
Vi state finalmente svegliando?

Bastian Cuntrari ha detto...

@Joe: bellissimo! E chi lo sa: magari stiamo uscendo dal letargo...

Regalo per regalo: anche qui non si scherza!

Ti abbraccio.

Anonimo ha detto...

Grazie di aver citato il mio blog www.class-action-italia.it :) Torno stasera a scriverci qualcosa dopo giorni di nausea e delusione!!! E' veramente triste vedere un paese in cui il cittadino non conta nulla, ma soprattutto in cui gran parte dei cittadini non si sta rendendo conto di ciò che accade...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Ciao, Anonimo!
Per la citazione, figurati...
Non ho trovato in rete niente sullo sbandierato incontro di Scajola con le associazioni dei consumatori: tu mi puoi aggiornare?
E grazie per la visita.

Ti abbraccio.