domenica 19 maggio 2013

R.S.V.P. o della creanza

Immaginate di essere ad una cena. Immaginate che il vostro ospite, a capo tavola, commenti l'ultima notizia apparsa sui giornali,  esprimendo la propria opinione. Immaginate ancora che - girando lo sguardo sui commensali - chiuda dicendo: "Ed ora mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi". Manco aprite la bocca e il padrone di casa si alza, gira i tacchi e se ne va.
 
Qualche settimana fa un carissimo amico blogger via mail mi domandava come mai non avessi lasciato commenti al suo ultimo post: "Che è successo, non ti piace il post?". No, non l'avevo visto perché il mio Reader aveva fatto le bizze e non me lo aveva segnalato. Problema risolto. Ma - a posteriori - ci ho ripensato come i cornuti. Avrei potuto rispondergli, con una bugia, perché non è vero: "Sai che c'è? Non commento più perché tu non rispondi ai commenti!", il che è vero.
  
Parliamoci chiaro: a parte qualche blog professionale (di giornalisti, ad esempio, che ricevono decine di commenti a botta) visito siti di amici che non postano per mestiere, ma per il proprio personale piacere di comunicare e che - quando va alla grande - ne ricevono una dozzina. E nessuno di loro, presumo, è tanto impegnato od oberato di lavoro nella vita di ogni giorno da non poter rispondere ai commenti che si lasciano. Se hai tempo per mettere online il tuo prossimo post, cazzo!, (a proposito di buone maniere) trovi il tempo anche per rispondere a chi è passato da te e ha lasciato due righe.
 
Mi si obietterà (e già so chi obietterà in tal senso) che non sempre i commenti sono "stimolanti", "intelligenti", "accattivanti", "interessanti"... Magari si risolvono in un arido "Bel post!", "Completamente d'accordo!", "Ti quoto!" (anglicismo mal tradotto che davvero non capisco come sia entrato nel lessico dei bloggers: "to quote" - in inglese - significa "citare", cioè ripetere ciò che è stato detto o scritto, e non è sinonimo di "to agree with", essere d'accordo).
 
Va bene, tutte giustificazioni condivisibili. Ma la "buona creanza" non fa questi tipi di distinguo: con un sorriso tirato sulle labbra, l'ospite deve ascoltare anche quel che ha da dire il commensale cretino e mostrarsi interessatissimo. E l'interesse, nei blog, si dimostra con una risposta: basta anche un "grazie del commento", giusto per dimostrare che hai letto e non solo scritto.  Diversamente, è sufficiente includere nel blog un breve elenco di bloggers dai quali non si desidera ricevere commenti perché solitamente banali e non degni di replica: una sorta di lista nera dei commensali da non invitare più.

25 commenti:

il monticiano ha detto...

Ho capito. il rimprovero è rivolto a me, ma non sono il solo, che da un bel po' di tempo non lo faccio e me ne scuso.
Sai che c'è Bastia'? Capisco che per te non è una buona ragione, ma mi ero accorto, quando rispondevo, che ero monotono nelle mie risposte ed a volte scrivevo enormi cavolate da ottimo ignorante quale sono.
Però, come tu mì consigli, ti prometto che tornerò a rispondere.
Un caro saluto,
aldo.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Monty, sei un signore: soprattutto perché non hai avuto remore ad ammettere la... "colpa".
Ma hai ragione, non è rivolto solo a te.
E sai che c'è Monty?
Continuerò a leggere i post dei "non risponditori", ma - magari - eviterò di commentare...
Buona (residua) domenica, caro amico mio.

cristiana2011 ha detto...

Mi sono bacchettata le mani e messa dietro la lavagna.
Cristiana

cristiana2011 ha detto...

In effetti mi piaceva quando Aldo e non solo lui, commentava i commenti.
Io personalmente non l'ho mai ritenuto indispensabile, ma ora che mi ci fai pensare, è anche una dimostrazione di buona creanza.
D'ora in poi FAROLLO, anche perchè ciò che dici è oro colato, per me.
Cristiana

Ottimo l'esempio dei commensali.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Cri 1 e 2...

Cri1, brava! Si vedono bene i segni sulle mani? Sanguinano abbondantemente?
No, dài, dietro la lavagna no... con tutto quello che ci scofaniamo, starai stretta!!!

Cri2, è verissimo che non è indispensabile! Ma è anche vero che solitamente chi commenta, poi va a riguardare il post commentato e si rimane di guano se non si trova nulla!
Sull'esempio dei commensali: ma sai che ci ho dovuto rimuginare parecchio? Non mi veniva nulla di... assimilabile.
Poi - a volte càpita anche ai deficienti come me - la folgorazione! E ne sono soddisfatta.

O.T.: ma le orecchie, ti fischiavano?
View mail... (su tin.it)

Un bacio con lo schiocco, mia cara.

Zio Scriba ha detto...

Credo tu abbia fondamentalmente ragione, anche se penso anche si debba distinguere da caso a caso. Quelli imperdonabili (e quindi DEPENNABILI) sono quelli che mettono insieme, sempre e sistematicamente, i due principali difetti: non rispondere MAI sul loro blog e non andare MAI a leggere e commentare da altre parti. Sono quasi sempre persone che si prendono troppo sul serio, che pensano esista soltanto il loro blog, che hanno un ego più grande dell'Himalaya, che si sentono importanti come se fossero l'editore, il direttore e il redattore del New York Times.
Però fra i miei lettori e fra i blogger che conosco questi casi patetici sono rarissimi, per fortuna. Per esempio, il mio splendido amico Aldo non risponde quasi mai sul suo blog, ma in compenso è puntuale a commentare da me e altrove, con spunti sempre intelligenti e simpatici. Lo stesso vale per Cristiana. Ma quando si incappa in quelli dell'altro tipo che dicevo prima, in effetti è abbastanza fastidiosetto.
Per quel che riguarda me, io non ho uno schema fisso: dipende dai tempi e dal tipo di post. Cerco sempre di rispondere, e cerco di essere gentile soprattutto con i nuovi, ma i miei lettori sanno che a volte posso non rispondere (o dare vaghe risposte cumulative) per due motivi: o perché si tratta di tipi di post in cui ho già detto tutto, e voglio lasciare spazio totale alle opinioni altrui senza voler avere l'ultima parola, oppure perché sono troppo preso dietro a un nuovo romanzo, e quindi "sto lavorando per voi" :D [in quest'ultimo caso, alla tua pur giusta osservazione "se hai tempo di pubblicare abbine anche per rispondere", mi limito a ricordarti che esistono pure i post programmati: uno può anche assentarsi per un mese, ma per non lasciare il blog in abbandono e alla deriva predisporre un paio di pubblicazioni differite...]

Grazie per l'argomento stimolante, in ogni caso.

Un abbraccio grande!

Bastian Cuntrari ha detto...

@Zio Scriba, sui primi punti credo che sia Monty (Aldo) che Cristiana ti abbiano risposto in prima persona nei commenti che precedono il tuo.

Quanto all'ultima considerazione, innanzi tutto ho detto che assolutamente "giustifico" chi ha da fare ed è impegnato nel proprio lavoro e non chi, invece, posta come molti per puro diletto.
E poi credo che, rispondere ad un commento lasciato, non credo sia necessariamente "voler avere l'ultima parola": dire magari solo "grazie" non è avere l'ultima parola, ma solo cortesia!

Buon lavoro e buona giornata, mio caro.

Zio Scriba ha detto...

D'accordissimo anche sulla cortesia, ovviamente. L'accenno all'"ultima parola" riguardava casi molto particolari, solo per allargare il discorso. Per il resto, ripeto, sfondi una porta aperta.
Ciao! :)

riccardo ha detto...

Ciao, ti ho letto su Blogaventura e mi pare anche altrove.
Sai, condivido senz'altro le tue opinioni.
A me dà un fastidio... fastidiosissimo vedere che qualcuno non risponde ai miei commenti.
Mi irrita anche vedere che magari ricevo una risposta, ma molto generica, quasi offensiva nella sua genericità del tipo: "Sì, d'accordissimo. Ciao."
Ma che ciao e ciao?!
Io magari ti ho inviato un commento di una quindicina di righe (e/o più) e tu te la cavi con una righetta rachitica?
Soprattutto poi se ho inviato un commento articolato ad un post che lo è altrettanto, con la fatidica righetta puoi anche condirtici il panino!
Va da sè che la righetta scheletrica di commento mi urta anche sul mio blog... anche se io, cretinamente, la contro-commento ad abundantiam.
Vabbe', forse ora ho bisogno di un caffè.
Ciao.

Dumdumderum ha detto...

Condivisibile. Io commento solo quando ho qualcosa da dire, e generalmente rispondo - magari in straritardo: a volte non ho proprio tempo di seguire la faccenda - ai commenti sul mio blog. C'è un problema di fondo che affligge molti blogger (ovviamente non te, Bastian): pubblicano post a mitraglia. Hai letto un post, hai cogitato mezz'ora per trovare un commento che non sia una trollata, pubblichi il commento al post che hai ancora a video... e scopri, aggiornando la pagina, che il post è sparito dalla vista, è diventato obsoleto, il blogger ormai è completamente disinteressato a quel post e non risponderà ai commenti su di esso. E anche se si degnasse di rispondere, il commentatore si troverebbe a dover scorrere pagine su pagine all'indietro per ritrovare proprio quel post, o a dover utilizzare gli strumenti di ricerca, e alla fine rinuncerebbe. Troppe volte sono piombato su blog del genere; dopo qualche frustrante tentativo di commentare, mi limito a fare il "lurker", tanto so già che il mio commento, nel momento stesso in cui lo pubblicherò, sarà caduto nell'obsolescenza.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Riccardo, intanto... benvenuto!
Mi fa piacere che anche tu condivida la mia opinione. Pensa che ritenevo di essere l'unica a percepire come una scorrettezza la mancata risposta ad un commento, visto che nessuno - tra i blog che visito - aveva mai sollevato il problema. Bene, qui almeno siamo "quasi" in quattro!

Sono passata da te (e ora ti inserisco immediatamente nel Reader), ma mi rendo conto - purtroppo - che sarà arduo per me commentarti: i tuoi post (scritti benissimo, con quella proprietà di linguaggio ed eleganza ormai divenute rarae aves) sono culturalmente al di fuori della mia portata! In ogni caso passerò, magari solo per firmare il libro degli ospiti.

Ciao e a rileggerci.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Dum, verissimo quello che dici sui post "a mitraglia": nel mio Reader che ne sono un paio, ma credo che - a breve - uno lo farò secco...

Ti ringrazio comunque perché - come diceva mia nonna "... non voglio morire dato che ogni giorno imparo qualcosa di nuovo..." - oggi ho appreso una nuova parola: LURKER! Insomma, spii, guati, ti apposti... Ma sei un guardone del web allora!!! ahahah! Commentiamoci a vicenda, rispondiamoci e non mi lurkare! A volte sono davanti al Mac in déshabillé!

Ti abbraccio.



Dumdumderum ha detto...

@Bastian
Ehi, sono un gentiluomo, io. Non lurko attraverso lo schermo (e neanche attraverso la webcam, come potrebbe insinuare qualcuno). Lurko solo post e relativi commenti su certi blog.
Sui post a mitraglia: modificando la fine del primo paragrafo, è come se il padrone di casa, dopo aver sollecitato un'opinione, manco aprite bocca si mette a parlare della partita di kalcio.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Dum! ahaha!!!
Informaticamente ignorante sì: ma non proprio capra!!!
Ho capito benissimo cosa intendevi dire usando il sostantivo "lurker"... avevo bisogno di farmi una risata!
Bellissima la modifica al paragrafo: sì, si mette a parlare di calcio!

Ciauuu...

Dumdumderum ha detto...

@Bastian
Volevo mettere una faccina che ride dopo il primo paragrafo del commento precedente, ma me la sono dimenticata...

Bastian Cuntrari ha detto...

@Dum... se poi mi insegni come si fa... Io vedo solo "simboli"!!!

Dumdumderum ha detto...

@Bastian
Sì, il classico :D, mica niente di più. Blogger non permette di inserire un emoticon vero nei commenti. (Mannagg' a lui.)

riccardo ha detto...

@ Bastian Cuntrari: macchè "culturalmente al di fuori della" tua "portata!"
Scrivi tranquillamente, non sono mica Platone...
(Anche se il complimento mi lusinga parecchio, inutiile girarci intorno).
A presto!

Bastian Cuntrari ha detto...

@Riccardo, va bene... passerò lo stesso!
Intanto mi sono ascoltata la ballata irlandese di Molly Malone che non conoscevo: è bellissima!

Grazie e a presto!

Ernest ha detto...

Lo so hai ragione e io molte vole sono uno di quelli che non risponde, però cerco di andare sugli altri blog per commentare e soprattutto leggere perchè ci sono spunti molte volte interessantissimi. Ci sono periodi che ricomincio a rispondere poi il resto della vita e la frenesia non te lo permette. Se devo scegliere ad esempio cerco di commentare i blog dei miei amici e magari rinunciare a rispondere ai commenti sul mio. Ribadisco che non smetterò mai di ringraziare chi dedica anche un solo secondo al mio blog e commenta.
Metto nei miei propositi futuri il compito di rispondere di più ai commenti
A presto :)

Bastian Cuntrari ha detto...

@Ernest, sono una porca vigliacca...
Prima di leggere questo tuo commento, sono andata a vedere se (hai visto mai?) avessi risposto ai commenti lasciati dai numerosi amici...
Quello che ho visto lo sai già: ma ti tengo sotto tiro.
Vediamo se riuscirai a mantenere l'impegno (il "mezzo" impegno) preso...

Ti abbraccio, caro.

Ernest ha detto...

eh eh mi sto dando da fare, commenti arretrati... :-)

Bastian Cuntrari ha detto...

@Ernest, fai conto che qui ci metto uno "smile"!!!

Gap ha detto...

Se pensi che mi cosparga il capo di cenere, hai sbagliato. Se rispondessi ai tuoi commenti poi tu non potresti fare post di questo genere. A proposito, gran bel post.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Gap... tanto lo so che hai commentato solo perché ti sei riconosciuto nella citazione ("Mi si obietterà - e già so chi obietterà in tal senso - che non sempre i commenti sono "stimolanti", "intelligenti", "accattivanti", "interessanti"...), perché una discussione di questo genere l'abbiamo già avuta.

Comunque, sia io che Monty - per quanto ti riguarda - ci siamo già rassegnati. Sì, abbiamo parlato proprio di te, e al telefono! mica baubau-miciomicio...
Per cui, mio caro, continua pure a non rispondere: ormai ce ne siamo fatti una ragione, anche se ci rimaniamo male.

Grazie del complimento e buon fine settimana, amico mio.